Crea sito


Tutte le novità dal mondo informatico

11 ott

Traduci


Articolo tratto dal sito Crismon’s Blog


Non chiederti CHI, COME, DOVE, QUANDO o PERCHE’, resta impassibile davanti a questo articolo, apri le porte del tuo cervello, disabilita l’opzione “memorizza” e osserva attentamente la sintassi dei comandi successivi.

Se l’output di questi comandi fosse un balletto di Mikhail Fokine sarebbe intitolato “la morte del pinguino” ma c’è poco da ballare: don’t try this at home!!!


Signori e signori, quanto stiamo per presentarvi è da conservare rigorosamente nella parte buia di ogni mente che accenna, anche timidamente, il tentativo di ragionare. Non dimenticare questi comandi ma se li ricordi fallo per una buona causa: l’integrità del tuo sistema operativo.
I successivi comandi, impartiti da console, hanno effetti devastanti e in molti casi, che tu sia
Ubuntu o Debian o openSUSE poco importa, sarà l’inizio di una fine fulminante e letale.

ATTENZIONE: il termine letale, secondo i più blasonati dizionari di lingua italiana, equivale molto semplicemente a “provoca la morte“. Di conseguenza digitare uno dei seguenti comandi significa più civilmente mandare a puttane il proprio sistema operativo.


sudo rm -rf / --no-preserve-root

☠     ☠     ☠     ☠     ☠


rm -rf .*

☠     ☠     ☠     ☠     ☠

dd if=/dev/zero of=/dev/sda

☠     ☠     ☠     ☠     ☠

mkfs.ext3 /dev/hda

☠     ☠     ☠     ☠     ☠

whatever  > /dev/hda

☠     ☠     ☠     ☠     ☠

cd ~; for x in `ls`; do mv -f $x $y; y=$x; done

☠     ☠     ☠     ☠     ☠

find -type f -mtime +30 -exec mv {} /dev/null \;

☠     ☠     ☠     ☠     ☠

mv ~ /dev/null

☠     ☠     ☠     ☠     ☠

mv / /dev/null

«Don’t try this at home!!!»

Articolo tratto dal sito www.crismonblog.org

Share and Enjoy:
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Twitter
  • Mixx
  • Google Bookmarks
  • Blogplay
  • Blogosphere News
  • Live
  • MSN Reporter
  • MyShare
  • MySpace
  • Webnews.de



Leave a Reply

*
To prove that you're not a bot, enter this code
Anti-Spam Image